I formati video digitali

L’argomento riguardante i formati video e i codec è assai complesso, tuttavia sintetizzando e semplificando il concetto, si può affermare che il CODEC è un compressore-decompressore che rende possibile la visualizzazione delle immagini sul PC, mentre il FORMATO è in pratica il loro “contenitore”.

Vediamo un elenco di formati video e il loro utilizzo principale:

  • 3GP messo a punto dal gruppo 3GPP, concepito per l’utilizzo nei servizi di videotelefonia, viene utilizzato soprattutto per la registrazione di video nei telefoni cellulari e la loro trasmissione via MMS. Utilizza i CODEC video MPEG-4 e H.263 e i CODEC audio AMR e AAC e può essere definito per una modalità di donwload  progressivo durante la riproduzione.
  • ASF (Advaced System Format o Advanced Streaming Format) è un formato contenitore audio e video proprietario della Microsoft particolarmente utilizzato per lo streaming di informazioni multimediali. Può utilizzare diversi CODEC audio e video e può contenere metadati come il nome dell’artista, il titolo del brano, il genere, il regista, ecc… Supporta i CODEC video MPEG-1, MPEG-2, MPEG-4, WMV, RealVideo e Theora, come CODEC audio supporta MP3, WMA, Vorbis, AC3 e DTS. Non supporta i sottotitoli.
  • AVI ( Audio Video Interleave ) realizzato da Microsoft come formato standard video per Windows in seguito integrato con estensioni sviluppate da Matrox (AVI 2.0). Può contenere uno o due flussi audio e un flusso video.  Supporta i CODEC video MPEG-1, MPEG-2, MPEG-4, WMV, RealVideo e Theora, come CODEC audio supporta MP3, WMA, AC3 e DTS. Non supporta i sottotitoli.
  • DivX tecnologia multimediale proprietaria basata su MPEG-4 viene utilizzato in moltissimi dispositivi che vanno dal computer ai lettori DVD/DivX, macchine fotografiche digitali, videocamere e microCAM. Il punto di forza è la possibilità di produrre file di dimensione ridotta di filmati di lunga durata, lasciando pressoché inalterata la qualità dell’immagine, in pratica, con le opportune impostazioni, è possibile convertire un film DVD di 4-8 Gigabyte in un file DivX di 700 MB con una qualità video e audio più che discrete. Per questo motivo è stato al centro di controversie per il suo utilizzo nella duplicazione e distribuzione di DVD protetti. Dalla verisone 7 viene supportato il formato HD fino a una risoluzione di 1080p e non si basa più su MPEG-4 ma su H-264. Supporta l’incapsulamento Matroska (MKV) e viene chiamato anche DivX Plus HD. Nato inizialmente come prodotto illegale da una versione “crackata” dell’MPEG-4, diventato poi legale e freeware, infine sviluppato come prodotto commerciale e proprio per quest’ultimo motivo il popolo di programmatori open source si è sentito tradito e ha dato vita a DivX alternativi tra cui il più noto è l’XviD.
  • XviD originariamente basato su OpenDivX aderisce allo standard MPEG-4. A parità di bitrate l’XviD produce un video leggermente migliore del DivX e utilizando un encoder e decoder particolarmente snelli puà essere impiegato per riprodurre video anche su macchine datate non particolarmente prestanti. 
  • FLV Flash Video viene usato per inviare video su internet usando Adobe Flash Player. Le ultime versioni supportano anche il CODEC video H.264 e audio HE-AAC. Il Flash Video può essere incapsulato in un file SWF.
  • SWF Shockwave Flash o Flash è un formati file vettoriale proprietario prodotto da Adobe Flash. Concepito per la pubblicazione sul web può contenere animazioni e applett con vari gradi di interattività e diverse funzioni.
  • MPEG Moving Picture Experts Group è un comitato tecnico incaricato di definire gli standard per la rappresentazione digitale di audio e video. Attualmente esistono sei standard MPEG:
    1. MPEG-1: Utilizzato nei Video CD con qualità simile al VHS dei videoregistratori a nastro.
    2. MPEG-2: Utilizzato nei DVD e nelle trasmissioni TV digitali come il Digitale Terrestre ha una qualità superiore all’MPEG-1 ma richiede più potenza hardware.
    3. MPEG-3: Inizialmente sviluppato per l’HDTV ma poi abbandonato perchè compunque l’MPEG-2 può tranquillamente supportare anche la TV in HD.
    4. MPEG-4: Può gestire fullsi eterogenei audio/video, contenuti 3D, flussi video a basso bitrate e diritti digitali. Per la codifica utilizza MPEG-2 o MPEG-4 AVC.
    5. MPEG-7: Sistema formale per la descrizione di contenuti multimediali.
    6. MPEG-21: Nato come piattaforma comune per future applicazioni.
  • Ogg Media è un contenitore digitale libero adatto sia allo streaming che all’archiviazione in maniera efficente. Può contenere codec indipendenti per audio, video e testo ( ad esempio i sottotitoli ). Supporta i CODEC video Theora, Dirac, Tarkin, OggUVS, i CODEC audio Vorbis, Speex, FLAC e OggPCM e i CODEC di testo Writ, CMML, Annodex, OggKate.
  • WMV Windows Media Video è una serie di tecnologie proprietarie Microsoft per lo streaming di file video, fa parte della piattaforma Windows Media e spesso è abbinato al formato audio WMA Windows Media Audio. Può essere riprodotto su sistemi Windows e Macintosh, mentre per Linux bisogna rivolgersi a software di terze parti.
  • MOV conosciuto anche come QuickTime è un formato sviluppato da Apple. Utilizza i CODEC video MPEG-1, MPEG-2, MPEG-4, WMV, Theora e Adobe Flash, mentre come CODEC audio utilizza MP3, WMA, Vorbis, AC3, DTS e FLAC, non supporta i sottotitoli.
  • MKV Matroska Video è un contenitore che può contenere diversi formati video come DivX, XviD, H264 e audio come AC3, MP3, AAC e altri, supporta i sottotitoli e più tracce audio, inoltre supporta anche la suddivisione in capitoli come un DVD. 
  • RM RealMedia è un contenitore multimediale della RealNetworks, è in grado di contenere vari formati audio e video ma viene spesso utilizzato per RealVideo e RealAudio soprattutto in streaming su internet. Come CODEC video supporta RealVideo, mentre i CODEC audio possono essere MP3, RealAudio e Vorbis, non supporta i sottotitoli.
  • VOB Video Object fa parte del file system dei DVD ed è un grande raccoglitore che contiene un pò tutto. La dimensione massima di un singolo file VOB è di 1GB e generalmente contiene video MPEG-2, audio AC3 in diverse lingue e i sottotitoli. Il file VOB può essere criptato ed è per questo motivo che un DVD video protetto non può essere semplicemente copiato su un’altro DVD.

 

 

Questa voce è stata pubblicata in cinema e tv, Internet, Software, tecnologia, Web. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento